Piedi che sopravvivono ai tacchi alti nelle cerimonie? Ecco come…

Alzate la mano se non siete mai state invitate a un matrimonio o a una festa! Per quell’occasione avrete sicuramente comprato un paio di scarpe super sexy, con un tacco vertiginoso e… non negate che, dopo poche ore, avevate i piedi doloranti! Forse avete concluso la vostra serata ballando a piedi nudi – non importa quanto fossero costate o quanto fossero trendy le vostre scarpe! Ebbene, non siamo le sole! Su Instagram attrici famose pubblicano foto in cui, durante la notte degli Oscar, portano in mano le scarpe! E poi, quanto è doloroso camminare il giorno dopo, con i piedi irritati?!

Ecco, quindi, una domanda interessante: la prossima volta, opterete per un tacco più discreto? O forse per un paio di sandali non così sexy, ma più comodi? Conosciamo benissimo la risposta: no, mai! Adoriamo le scarpe e ci innamoriamo sempre di quelle più sexy e scomode! Dobbiamo semplicemente trovare piccoli accorgimenti che ci faranno sentire il dolore ai piedi come un brutto sogno del passato! La buona notizia è che questi piccoli trucchi esistono e… fanno davvero la differenza!

  1. Stop alle irritazioni

Finché indossiamo calze e stivali, è tutto perfetto… Poi arriva l’estate, nella nostra scarpiera fanno capolino i sandali e tutto diventa più difficile! Possono presentarsi, infatti, irritazioni provocate dagli sfregamenti. Il modo migliore per evitarle è creare una specie di un calzino virtuale. I runner, per ovviare a questo inconveniente, usano la vaselina: sicuramente questa è una soluzione. Un’alternativa consiste nell’utilizzare uno stick per vesciche a base di balsamo, per creare una barriera difensiva sullo strato superficiale della pelle. Agisce creando un velo protettivo, che contribuisce a ridurre l’attrito da sfregamento sulla pelle provocato da scarpe o sandali. È facile da applicare (funziona come un deodorante a sfera) ed è pratico da portare in borsa, per poterlo riapplicare all’occorrenza. La formula non grassa evita la fastidiosa sensazione di scivolosità. Applicatelo ovunque, perché questo tipo di problema può comparire su caviglie, dita o altre parti del piede… Inoltre è trasparente e quindi invisibile e discreto!

  1. Addio al dolore plantare

I piedi sono pensati per camminare agevolmente sul terreno, non sui tacchi alti! Quando li indossiamo, tutto il peso del corpo ricade su una piccola area anatomica. Questa sensazione non emerge, purtroppo, quando si provano i sandali o le scarpe coi tacchi per la prima volta in fase di acquisto, in negozio e nemmeno quando li indossiamo a casa, per prepararci. Dopo qualche ora, tuttavia, sopraggiunge il dolore e può manifestarsi in modo molto intenso. Si può alleviare il fastidio, con l’uso dei cuscinetti in gel, per proteggere l’area plantare. Sono trasparenti: nessuno li noterà!

  1. Non più gambe affaticate

Camminare sui tacchi alti ha un’altra conseguenza: la circolazione del sangue non funziona scorrevolmente e le gambe potrebbero sentirsi affaticate, pesanti o doloranti. Anche le dita dei piedi potrebbero risentirne e necessitare un buon massaggio per riattivare la circolazione. Se siete molto stanche, quando tornate a casa, vale comunque la pena dedicare un paio di minuti a massaggiare gambe e piedi con un gel rinfrescante. La mattina dopo apprezzerete la differenza!

  1. Niente fastidi il giorno dopo

Se avete partecipato a una festa col tacco alto il sabato, vi consigliamo di dare sollievo ai piedi la domenica. Potreste indossare, ad esempio, un paio di pantofole con un piccolo rialzo (una suola piatta, infatti, potrebbe non essere l’ideale dopo i tacchi alti, perché i muscoli hanno bisogno di un certo tempo per riadattarsi) e concedervi un buon massaggio plantare. Rilassatevi e… guardate Instagram: i vostri fantastici sandali hanno collezionato tantissimi like!